Protezione Civile e Cardioprotezione alla manifestazione Bagnoli in Festa

20181014

Continua la collaborazione fra la Auexde, azienda napoletana altamente specializzata nella tecnologia e la promozione della cultura della defibrillazione precoce, e il Centro Operativo di Protezione Civile “Falchi del Sud” di Napoli, da oltre vent'anni operativo sul territorio regionale e nazionale e sempre impegnato nel diffondere la cultura della protezione civile alla cittadinanza.

In occasione della manifestazione “Bagnoli in festa”, svoltasi stamattina ed organizzata dalla “Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’infanzia” nell’ex area NATO, con il contributo della Regione Campania e il patrocinio della X Municipalità del Comune d i Napoli, i volontari dei Falchi del Sud hanno allestito un gazebo, esponendo varie attrezzature di primo intervento ed alcuni automezzi attrezzati per vari tipi di emergenza, mentre personale della Auexde, coordinati dal Lucio Margarita, hanno presentato alcuni defibrillatori automatici e sottolineato l’importanza della loro diffusione sul territorio: “Cardioproteggi i luoghi in cui vivi”, difatti, è l’efficace slogan usato dall’azienda per diffondere il messaggio.d” di Napoli, da oltre vent'anni operativo sul territorio regionale e nazionale e sempre impegnato nel diffondere la cultura della protezione civile alla cittadinanza.

I Defibrillatori semiautomatici, oltre ad essere ormai obbligatori in molti luoghi di grande afflusso di pubblico, sono considerati sempre più come uno strumento salvavita essenziale.
La giornata all'ex base NATO si è svolta dalle 9 alle 14 ed ha visto la partecipazione di numerose associazioni, centri culturali e cooperative che hanno animato la mattinata con giochi, laboratori ed attività sportive.

 La Voce di Napoli - 14 ottobre 2018

Da diversi giorni il quinto nucleo operativo "Campi Flegrei" Corpo Italiano di San Lazzaro – Distretto Campania, i Falchi del Sud e gli avvistatori della Sma svolgono su richiesta del comune di Pozzuoli e della Riserva degli Astroni quotidiane attività di sorveglianza contro gli incendi boschivi e lo sversamento di rifiuti pericolosi nell’area flegrea. Purtroppo i controlli effettuati hanno evidenziato fin dai primi giorni numerose attività potenzialmente pericolose proprio a ridosso del cratere degli Astroni ed in particolare l’accensione di focolai agricoli che, complici il vento e l’aridità del suolo e della vegetazione, rischiano di dare origine a incendi veri e propri, così come stava per accadere il pochi giorni fa, quando solo un intervento tempestivo delle suddette associazioni di protezione ambientale ha impedito a un focolaio di propagarsi. Non a caso tale pratica è vietata da un decreto della Regione Campania il numero 156 del 19 giugno scorso, che ha l'obiettivo di contrastare gli incendi boschivi nei mesi estivi. "Anche il personale e i volontari dell’oasi sono costantemente impegnati nel campo anti-incendio boschivo ma la collaborazione della popolazione e soprattutto di quella che risiede a ridosso del cratere è fondamentale per scongiurare eventi drammatici come quello avvenuto l’estate scorsa - hanno evidenziato in una nota i responsabili dell'Oasi degli Astroni -. Per questo motivo invitiamo tutti a rispettare le norme vigenti, evitando di correre inutili rischi, e a segnalare tempestivamente atti sconsiderati e depositi di rifiuti". 

Il Mattino di Napoli - 4 Agosto 2018

Conoscere per prevenire: Mezzi della Protezione civile e defibrillatori in strada

Domenica in via Scarlatti, al Vomero, si è svolta la manifestazione “Conoscere per prevenire” promossa dall’Associazione Falchi del Sud in collaborazione con la Auexde. Decine di volontari per strada hanno informato i passati incuriositi dalle attrezzature messe in mostra, e divertito i bambini con foto ricordo e giochi interattivi per diffondere le basilari norme di sicurezza domestica e protezione civile.
Emanuele Cervelli, Vicepresidente dei Falchi del Sud, spiega: “Da sempre siamo in prima linea per quanto riguarda l’informazione e la diffusione della cultura della protezione civile; questo tipo di manifestazioni sono un ottimo modo per avvicinare le persone e comunicare con loro e spiegargli qual è il ruolo della Protezione Civile. Molte famiglie hanno risposto positivamente alla manifestazione: i bambini, soprattutto, ci hanno accerchiato, vogliosi di conoscere, di toccare con mano le varie attrezzature in dotazione al nostro centro. Infatti, abbiamo messo in mostra un nuovo automezzo attrezzato per qualsiasi tipo di emergenza, e i bambini sono stati molto contenti di avere l’opportunità di avvicinarsi di fare delle foto con il caschetto per l’antincendio boschivo, con la lancia per estinzione incendi e si sono divertiti, con alcuni giochi interattivi, ad indovinare gli atteggiamenti corretti da tenere in caso di sisma, incendio o pericolo, in casa e fuori. L’ottima risposta da parte della cittadinanza ci spinge a proseguire su questa strada ed organizzare altre manifestazioni nei prossimi mesi”.
Importantissima la presenza di defibrillatori semiautomatici fra le attrezzature esposte, strumenti salvavita di cui si auspica la diffusione sempre più capillare in tutti i luoghi pubblici e di grande affluenza. L’associazione, infatti, collabora da un anno con la Auexde un’ azienda altamente specializzata che promuove e distribuisce tecnologie medicali fra le più importanti e conosciute al mondo. L’azienda svolge la propria attività principalmente nella promozione della cultura della defibrillazione precoce.
“Abbiamo una mission aziendale chiara,– ci illustra Antonio Ferraro, titolare della Auexde – essere un punto di riferimento per clienti pubblici e privati interessati ad attuare programmi di cardioprotezione. È un momento storico importante per il nostro paese riguardo alla tematica della defibrillazione precoce, grazie anche a specifici progetti emanati dalle singole regioni (in Campania, ad esempio, “Cuore Sicuro Campania”), atti a promuovere l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici esterni (D.A.E.) e l’attivazione di progetti “PAD”, Public Access Defibrillation. Inoltre la recente applicazione del Decreto Balduzzi, che certifica il ruolo determinante del defibrillatore all’interno di un centro sportivo, e che obbliga dal 30/06/2017 le società sportive a dotarsi di defibrillatori semiautomatici, porta indubbi benefici sul fronte della sopravvivenza in caso di arresto cardiaco improvviso.
Crediamo che il valore della salute passi anche, e soprattutto, attraverso l’utilizzo di tecnologie sempre più intelligenti e non a caso uno dei defibrillatori esposti, il Lifepak cr2, è un dispositivo rivoluzionario che, collegato ad una rete cellulare o Wi-Fi, fornisce agli operatori del soccorso un quadro completo di ciascun evento di arresto cardiaco improvviso, fornendo in anteprima i dettagli delle scariche somministrate e l’effettivo elettrocardiogramma del paziente; inoltre avverte anche in caso si verifichi un qualsiasi evento che potrebbe alterare lo stato del dispositivo, come un problema alla batteria, alla carica, alle piastre. Questo innovativo defibrillatore, infine, é l’unico che consente di effettuare compressioni toraciche durante l’analisi del ritmo cardiaco, riducendo le pause tra il massaggio cardiaco effettuato dal soccorritore e la defibrillazione, aumentando così  i tassi di sopravvivenza”.
defibrillatori semiautomatici diffusi sul nostro territorio (con la sigla D.A.E.), mediamente, aumentano di circa il 50% la sopravvivenza a seguito di un arresto cardiaco; se presenti nei luoghi di grande assembramento di popolazione, pubblici o privati, possono essere utilizzati in qualsiasi momento da personale qualificato, ma, in situazioni estreme, anche da comuni cittadini, in quanto ogni macchina ha una voce guida che segue passo dopo passo l’utilizzatore. Sempre più persone però, da privati cittadini, a datori di lavoro, da insegnanti, a commercianti, scelgono di non essere impreparati e seguire corsi teorico-pratici di BLS-D (Basic Life Support – Defibrillation) e dotarsi di un defibrillatore.

Per maggiori informazioni:
Auexde: 
Centro di Formazione “Rescue Training”: 
Centro Operativo di Protezione Civile: 

Pubblicato il 30 aprile 2018 su Voce di Napoli

Alcuni giorni fa, in un’intervista, l’assessore all’ambiente della V Municipalità di Napoli, Giovanni Greco ha risposto ad alcune domande sullo stato del Parco Urbano dei Camaldoli, da tempo chiuso al pubblico e in stato di abbandono, citando, tra l’altro,  una relazione richiesta dalla stessa municipalità al Centro Operativo di Protezione Civile “Falchi del Sud” che da anni opera sul territorio, soprattutto durante le campagne estive antincendio boschivo.

Proprio loro, infatti, hanno effettuato una fotografia dello stato attuale del parco, a seguito di vari sopralluoghi.

Dalla relazione si evince che, nel complesso, tutta la vegetazione nel Parco Urbano appare in avanzato stato di invecchiamento e abbandono, arbusti ed erba hanno invaso totalmente la sede viaria, i marciapiedi ed i passaggi pedonali; tronchi con pendenza evidente e pericolosa, rami spezzati a seguito di forti piogge o venti e suscettibili di caduta. Anche il sottobosco ha invaso totalmente quella che originariamente era la viabilità e in questo stato di degrado e abbandono generale l’edera ha preso il sopravvento.

Ovviamente, nello stato in cui versa, anche dal punto di vista della sicurezza, il Parco risulta non idoneo al pubblico e pericoloso per eventuali visitatori: come detto, non esiste più una viabilità e mancano quasi totalmente le staccionate delimitanti i percorsi.

Inoltre, in molte zone del parco, la segnaletica è incompleta o del tutto assente, soprattutto quella riguardante i punti di approvvigionamento idrico e delle aree di raccolta in caso di emergenza: un altro fattore da non sottovalutare, oltre alla mancanza di manutenzione dei viali parafuoco che, in un bosco che versa in uno stato di abbandono e seccume generale, può portare allo sviluppo di grossi incendi.

Questo documento dettagliato, consegnato alla municipalità lo scorso luglio, propone anche interventi da effettuare nel breve periodo e nel lungo che la municipalità sembra si sia impegnata a seguire.

La dott.ssa Lidia De Pietro, che ha curato la redazione del documento, spiega: “Il parco Urbano dei Camaldoli è uno dei più grandi di Napoli: si estende su circa 135 ettari di terreno sulla collina dei Camaldoli, da cui prende il nome, a circa 400 mt di altezza sul livello del mare ed è un vero e proprio bosco affacciato sui Campi Flegrei, con aree gioco per i bambini, aree picnic, campi da basket, attrezzature ginniche ed anche un anfiteatro”.

 “Molti gli interventi proposti – prosegue la De Pietro – soprattutto nel breve termine, per la riduzione del rischio incendio: da un lato, agire sulla vegetazione, con la ripulitura e la riduzione della biomassa, consistente nel recupero di tutto il materiale secco, poi il taglio della vegetazione infestante come l’edera e la creazione, l’ adeguamento e la pulizia delle piste tagliafuoco prevenendo così la diffusione di incendi da chioma a chioma. Dall’altro lato, bisogna agire sulla messa in sicurezza e in funzione dei punti di approvvigionamento idrico, delle riserve d’acqua e di altre strutture antincendio, come i punti di attacco delle manichette.  Si tratta del parco più distante dal centro della città e, forse proprio per questo, quello “meno parco e più bosco”: buona parte dei percorsi sono in terra battuta e in alcuni tratti il sentiero si restringe così tanto da costringere i visitatori a camminare immersi totalmente nella vegetazioneUn gioiello verde da recuperare assolutamente”.

Pubblicato su "Voce di Napoli" il 28.01.2018

Napoli è stata investita, come tutto il sud Italia, da una perturbazione che ha comportato la presenza di diversi fenomeni temporaleschi. Dopo le piogge degli ultimi giorni si sono verificati alcuni disagi in città.

A pochi passi da Villa Rosbery in via Ferdinando Russo a causa del maltempo si è rotta una condotta fognaria e si è aperta una grossa voragine creando non pochi problemi ai residenti. Sul posto sono intervenuti i tecnici che stanno cercando di riparare il danno nel più breve tempo possibile .

La strada è stata chiusa, creando gravi disagi ai residenti, circa 300 persone non possono uscire con l’automobile. Sul posto sono intervenuti il vicesindaco, il funzionario tecnico della protezione civile del Comune di Napoli, Antonio Viola, i volontari di PC falchi del sud e il personale dell’Abc.
Intanto la Protezione Civile aveva diramato un’allerta di colore giallo. A causa dei forti venti che si sono abbattuti su Napoli nelle ultime ore i collegamenti con le isole sono a singhiozzo. La situazione meteo dovrebbe migliorare domenica, giornata in cui ci sarà anche un netto abbassamento delle temperature, le minime scenderanno a 3 gradi e le massime non supereranno gli 11 gradi.

Le foto della voragine

   


Pubblicato su "Voce di Napoli" il 9 dicembre 2017

Vai all'inizio della pagina

Facebook

facebook_page_plugin