Dieci regole "salvaverde" nel'estate che ha visto aumentare del 60% il numero di incendi boschivi rispetto allo scorso anno e crescere del 41% anche la superficie totale percorsa dalle fiamme. A metterle a punto e' la Coldiretti, nel tentativo di aiutare a proteggere i circa 10 milioni di ettari di foreste che coprono un terzo del territorio nazionale.
"La settimana di Ferragosto - ricorda l'associazione - ha aggravato la situazione con un bilancio particolarmente pesante: oltre 600 incendi che si sono verificati in piu' della meta' dei casi in Campania e Calabria.

Il ritorno degli incendi avviene dopo che nell'ultimo decennio si e' manifestata una riduzione del 33% della superficie incendiata che e' stata in media di quasi 80mila ettari l'anno nel periodo 2000-2009 rispetto ai 118mila ettari del trentennio precedente 1971-2000".
Ecco il decalogo:
1) Evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze.
2) Nelle aree attrezzate controllare la fiamma, evitando di accendere fuochi in giornate di vento.
3) Prima di andare via verificare non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano fredde.
4) Non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'auto e verificare che la marmitta dell'automobile non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi.
5) Non abbandonare rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimita'. In particolare, evitare la dispersione nell'ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente.
6) Se si avvista un incendio non prendere iniziative autonome, ma mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme.
7) Informare Corpo forestale (1515) o Vigili del fuoco (115) o anche Polizia, Carabinieri, Prefettura, Comune.
8) Essere precisi sul luogo dove si e' sviluppato l'incendio perche' la lotta contro il fuoco e' contro il tempo.
9) Un elevato numero degli incendi e' opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, collaborare con la Forestale e con i corpi di Pubblica sicurezza nella segnalazione di comportamenti sospetti.
10) Dare il proprio contributo a una corretta informazione sulla prevenzione degli incendi: una cittadinanza piu' attenta e cosciente permette un maggiore controllo del territorio .

(Fonte AGI)

0
0
0
s2sdefault
Vai all'inizio della pagina

Facebook

facebook_page_plugin